casa Mia casa Tua che differenza c'è?

Immaginiamo insieme la Casa che vorremmo

UNA CASA X TUTTI

DONA IL TUO 5X1000

Inserisci il CF 97773350018 nel tuo modello 730

 

In fondo Casa mia o Casa tua che differenza c’è? [cit. Ghali]

“Papi mi racconti una storia che ho paura del rumore del vuoto? “
Il rumore del vuoto. Sembra un ossimoro, eppure è vero: il vuoto ha quel suono di potenziale, di qualcosa che si prepara ad una trasformazione.

Questa storia inizia 12 anni fa proprio dal Vuoto. Si svolge in questo posto che, se stai leggendo questa newsletter, probabilmente anche tu chiami Casa. Come tutte le case nuove all’inizio era vuota, silenziosa, tutta da costruire, riempire, immaginare. In questi 12 anni è andata riempiendosi come tutti i salotti delle nonne di foto e ricordi, di oggetti che sembrano inutili ma che per te rappresentano tanto. Tutti i giorni vede passare storie, persone, incontri, arrivederci e nuovi incontri. Continua a crescere, cambiare.

Nel 2020, per ovvie cause di forza maggiore, ha dovuto chiudere. Panico. Come può esistere una Casa del Quartiere quando la socialità è bandita? In realtà anche lì la Casa si è trasformata, ha adattato la sua funzione alle necessità del tempo e si è riempita di cose, altre, diverse dal solito, ma non è mai stata vuota.

giugno dovremo chiudere di nuovo la Casa per dei lavori di ristrutturazione che la Città andrà a fare sullo stabile di via Sakka 18 che dureranno fino all’autunno. Ovviamente la prima reazione è stata il panico da vuoto. Poi abbiamo scelto di credere che anche questa pausa forzata potrà essere occasione per riflettere su di Noi [e con noi si intende non noi staff che gestisce la Casa ma noi insieme di persone che a vario titolo abitiamo e frequentiamo tutti i giorni la casa] per immaginare cosa vorremmo essere, cosa di nuovo vorremmo costruire. È successo così anche nel 2020, e ha generato un cambiamento e una trasformazione forte che noi abbiamo visto e speriamo abbiate visto anche voi. Chissà cosa succederà questa volta:)

Intanto sentite qua che storia: stiamo chiedendo supporto alle altre realtà del quartiere per ospitare per i prossimi mesi le varie attività, i gruppi, gli sportelli e il punto di facilitazione digitale. Sarà una nuova versione della Casa, ancora più grande, diffusa e ibrida. Una Casa 2.0.
Noi s
aremo in piazza [Paravia, scontato] un giorno alla settimana da giugno in avanti per incontrarci, per chiacchierare su cosa vorremmo, per disegnare insieme la Casa che sarà. Intanto inizierà il cantiere, la Casa sarà sempre piena, solo di movimenti e suoni diversi da quelli di tutti i giorni. Silenziosa comunque mai.